Raido

Benvenuti, Entra

Produttori

Entra nel sito della Comunità militante raido Seguici su facebookSfoglia il nostro catalogo

La gioventù chiama gli dèi al risveglio

La gioventù chiama gli dèi al risveglio

Autore: Gottfried Benn

Anno: 2020

Pagine: 70

Maggiori dettagli


12,00 € tasse incl.

Disponibile in più di 7 giorni

Autore: Ar

Titolo completo: La gioventù chiama gli dèi al risveglio

Autore: Gottfried Benn

Anno: 2020

Pagine: 70


Il libro:

PROFESSIONE DI ESPRESSIONISMO “L’attenzione che la Führung della nuova Germania rivolge alle cose dell’arte è di proporzioni incomuni. Nella sfera di questa Führung, intelligenze di primo rango si pongono la questione [.] se in poesia debba e possa esserci un valore letterario improntato alla eroicità: queste intelligenze [.] avvicinano quasi quotidianamente al pubblico l’arte, resa una faccenda politica di prim’ordine. Nonostante il turbinio di problemi [.] che fanno ressa intorno a loto, lo straordinario istinto biologico per il miglioramento razziale, che assicura il volo librato dell’intero Movimento, non distoglie mai il loro sguardo da questo problema, dal suo carattere di unicità. È qui, presagisce tale istinto, il centro di gravità attorno a cui ruota tutta la storia: l’arte in Germania, arte sotto il profilo non di esito estetico ma di qualità reale, elementare dell’essere metafisico, è questo fatto a decidere l’avvenire, questo è il Reich tedesco. Meglio: è la razza bianca, questo, l’elemento nordico di essa; questo il dono della Germania, la sua voce, il suo appello alla civiltà occidentale scivolosa e pericolante: un nuovo simbolo e sintomo, per noi, di ciò che fino a oggi l’Europa non può vedere o non vuol vedere: in quali imponenti dimensioni questo Movimento abbia assunto doveri, indossi responsabilità, sia gravato da immani conflitti spirituali, conflitti che esso affronta per il bene dell’intero continente di cui costituisce il centro [...] Adesso, qualificare [l’espressionismo] anomalo e disfattistico ed estraneo al Volk è facile, oggi che questo imponente Movimento nazionale si appresta [.] a effettuare nuovi accumuli di sostanza negli strati completamente guasti, possedendo, è chiaro, la tempra morale per gettare le fondamenta da cui può sorgere una nuova, più felice arte. Ma noi ci riferiamo a un tempo [quello dell'espressionismo] in cui questo non esisteva ancora, tutto era vuoto, un tempo in cui non lo spirito di Dio ma il nichilismo aleggiava sulle acque [...] L’Espressionismo era dunque arte, l’arte ultima dell’Europa, il suo ultimo raggio [...] Gli Elleni degli albori non avevano ancora arte: arte erano le pietre sbozzate a fini sacrali e politici, le odi su ordinazione, le riduzioni rituali in musica. All’arte, iniziata con Eschilo, ci si è dati per duemila anni, ora per essa è giunta la fine. Quel che comincia adesso, quel che prende inizio adesso non sarà più arte, è di più, è di meno: congetture, le nostre, che prenderanno corpo al più presto [.] Dalla politica riceverà il conio non l’arte ma un genere nuovo, ormai apertamente distinguibile, di uomini. Non ne ho il minimo dubbio: questa schiatta, come proprio orientamento politico, mira a quella sintesi ghibellina di cui parla Evola: le aquile di Odino che prendono il volo incontro alle aquile delle legioni di Roma. L’aquila per stemma, la corona quale mito, alcune teste superbe a vivificare il mondo. Il significato mitologico di tutto questo [.]: simboli imperiali: fiaccole e asce e il selettivo allevamento delle razze superiori, delle caste solari, per un universo a metà tra il ‘magico’ e il dorico.”

Cerca

Carrello  

Nessun prodotto

Totale 0,00 €

Check out

Raido