Raido

Benvenuti, Entra

Produttori

Entra nel sito della Comunità militante raido Seguici su facebookSfoglia il nostro catalogo

Liberazione - Avventure e misteri nelle montagne incantate

Liberazione - Avventure e misteri nelle montagne incantate

Autore: Domenico Rudatis.

Anno: 1985

Pagine: 386

Maggiori dettagli


30,00 € tasse incl.

Disponibile in più di 7 giorni

Autore: Nuovi sentieri editore

Autore: Domenico Rudatis

Pagine: 386

Anno: 1985

Il libro:

Le parti più importanti di questo libro sono autentiche rivelazioni di singolari esperienze personali che non sono mai state prima pubblicate e tanto meno specificate in alcuno dei moltissimi scritti dell’Autore dedicati alla montagna.
  Il lettore alpinista si troverà nella situazione dell'interlocutore privilegiato o del discepolo prediletto, e potrà seguire con minor fatica di altri l'arduo percorso che il vecchio saggio gli propone. È un itinerario che si spinge nel passato per millenni e ritorna all'oggi, sale alle più alte regioni della Terra e ridiscende qui, in un  centro di vita supercivilizzata. Per ripartire quindi su nuove strade, finché poco a poco comincerà ad acquisire la percezione di dimensioni prima ignorate, e ad accettare forme di conoscenza non condizionate dalle rigide regole del razionale, ed a trovar naturali dei modi di esistenza che sfuggono alla sperimentazione del fisiologo e del fisico.
  In un discorso che porta quasi necessariamente fuori dal tempo, il drammatico riferimento al presente è dato dalla considerazione del probabile epilogo di una civiltà che ha totalmente smarrito il senso cosmico della montagna. Una catastrofe (la distruzione conseguente ad una guerra nucleare) che non è né teorica, né troppo lontana, e che ciascuno prepara con spietata concretezza lasciandosi condizionare giorno dopo giorno dalla logica dell'obiettivo immediato.

  DAL TESTO – “Liberarsi vuoi dire anzitutto liberare la mente dalla massa di falsità, superfluità, immondizie di ogni genere con le quali veniamo quotidianamente caricati, a nostro danno ed a solo beneficio dei mercati cui ho già accennato.
  “Chi sente ed ama la montagna per sé stessa, e non come mezzo subordinato ad altri interessi, riesce quasi senza accorgersi a liberare la propria mente e la propria anima nel senso ora specificato. Le conseguenze sono immediate. Come un orologio troppo sporco si ferma, e poi riprende a battere quando viene ripulito, così la nostra mente quando è ripulita si rimette in movimento attivamente ed allora ci indica qual è la verità del nostro mondo, che prima non si poteva vedere perché sepolta sotto le quotidiane immondizie.
  “Forse questo è il più semplice e chiaro significato dell'inizio della liberazione”.

  L’AUTORE – Domenico A. Rudatis nacque a Venezia nel 1898, ma il padre era nato a Fernazza, piccolo paese sopra Alleghe, e la madre era una Talamini di Vodo di Cadore. Dapprima studiò a Venezia e spesso premiato. Poi seguì i corsi completi di ingegneria industriale nel Politecnico di Torino. Partecipò a tutta la Prima Guerra Mondiale, e poi anche alla Seconda. Collaborò diversi anni con l'Istituto Internazionale della Cinematografia Educativa della Lega delle Nazioni. Aveva già molto collaborato con quattro quotidiani ed una dozzina di riviste. Svolse intensa attività alpinistica specialmente nel gruppo della Civetta, aprendo nuove vie importanti con Renzo Videsott e poi con Attilio Tissi. Fu il primo in Italia ad introdurre e sviluppare razionalmente la classificazione delle difficoltà in montagna, con un'opera internazionalmente riconosciuta, tanto da venir anche soprannominato «il profeta del sesto grado». Effettuò studi originali sul meccanismo nervoso della visione dei colori e le sue caratteristiche matematiche. Detiene una dozzina di brevetti sulla cinematografia e televisione a colori. Venne invitato in America e personalmente accompagnato da un valente industriale americano che poi perì in un viaggio aereo nel Sud America: Rudatis ritornò in Italia e partecipò alla Seconda Guerra Mondiale colla difesa antiaerea. Ma infine fece ritorno a New York, ottenne rapidamente la cittadinanza, con residenza ormai permanente. È stato Membro a Vita della Società degli Ingegneri della Cinematografia e Televisione ed anche Membro Emerito della Società Americana dell'Ottica ed Istituto Americano della Fisica, tutte organizzazioni di importanza mondiale. I meriti analitici ed esplorativi di Rudatis si sono pure dimostrati nella sua scoperta di quattro iscrizioni in montagna, tutte nel Gruppo della Civetta, che risalgono al primo secolo avanti Cristo, e la cui importanza emerge sempre più in quanto sono uniche in tutta la regione, contrastando colla ipotesi che siano confinarie delle suddivisioni dell'Impero Romano. Rudatis fece originali esplorazioni nei Cantoni di Pelsa, pure assieme a Emilio Comici individuando architetture fantastiche. Accompagnò poi, con Tissi, il Re Leopoldo del Belgio ed il Barone Carlo Franchetti nella conquista del famoso Campanile di Brabante che fa parte appunto dei Cantoni di Pelsa, dove la più bella guglia è stata denominata Guglia Rudatis. Nella Grande Enciclopedia della Montagna pubblicata dall'Istituto Geografico De Agostini trattando della Evoluzione dell'Alpinismo (Fascicolo 49 - pagina 67) si afferma che «L'italiano Domenico Rudatis fu il massimo teorizzatore dell'alpinismo come sesto grado». In tale pubblicazione si accusa però l'estremismo sportivo di essere antistoricistico, e si cade in un errore filosofico poiché i guai della evoluzione dell'alpinismo sono causati dalla società e gli alpinisti sono più vittime che cause. Rudatis ha pubblicato libri in Italia ed in Germania. Nel Congresso del 1932 venne incaricato dal Oe. Alpenklub di rappresentare l'Austria, ed era già un attivo membro del Club Alpino Accademico. Ne derivò il magnifico Annuario dell'Accademico del 1932.

Cerca

Carrello  

Nessun prodotto

Totale 0,00 €

Check out

Raido