NOI SIAMO RAIDO

Tradizione

Tradizione non è attardarsi a riesumare in maniera nostalgica il passato, fissandosi su formule anacronistiche legate alla storia, ma è la volontà di affermare e concretizzare nel presente i principi tradizionali, attraverso l’utilizzo di strumenti al passo coi tempi e secondo un progetto. Essa vive nell’impegno di chi, oltre vittoria e sconfitta vuole sacrificarsi per l’Idea.

Formazione

Formazione non è accademica lettura dei libri, sterile intellettualismo o il filosofeggiare sul nulla, ma la conoscenza derivante dalla pratica della Virtù, è il “conoscere se stessi” per “essere se stessi”, è l’affermazione di uno stile di vita. E’ vivere secondo i Principi della Tradizione, interiorizzarli e renderli operanti l’esempio, 24 ore su 24, nonostante un mondo ostile e contrario.

Rivoluzione

Una Rivoluzione in senso tradizionale, cioè in grado di coniugare il significato interiore ed esteriore della parola “rivoluzione”. Con la menzogna e l’ingiustizia non ci sono compromessi, è il tempo delle affermazioni assolute e delle negazioni sovrane. Stare con la Tradizione non significa essere riformisti o nostalgici, ma rivoluzionari.

EVENTI

IN EVIDENZA

“In alto i cuori!” – recensione (27/10/2018)

Sabato 27 ottobre 2018 presso la sede della Comunità Militante Raido, si è svolto l’evento “In alto i cuori! L’esempio di una gioventù che non si arrese”. Ospite della giornata Maurizio Rossi, autore della prefazione del romanzo “L’ultima raffica”. Pubblicato dalla casa editrice Passaggio al Bosco Edizioni, come già dicemmo nella recensione dedicata questo testo…

Leggi tutto

LA NOSTRA LOTTA

Natale povero o povero Natale? ⋅ Il Dispaccio

“La felicità esiste solo nel dono, nel dono completo; il suo disinteresse gli conferisce sapori d’eternità; esso ritorna alle labbra dell’anima con una soavità immortale” (Léon Degrelle) Natale, cenone, regali, pacchi, super-offerte, ‘Mamma, ho perso l’aereo’ e ‘Una poltrona per due’ in tv, file interminabili nei negozi, nelle strade, nel traffico: adesso prendi fiato, ché…

Leggi tutto

Francesco si drogava. Ora lotta ⋅ Il Dispaccio

“…che qualche spunto positivo possa venire dalla gran maggioranza dei “giovani” dell’Italia di oggi, si può senz’altro escludere. Quando costoro affermano di non essere capiti, l’unica risposta da dar loro è che non vi è nulla da capire”. (Julius Evola) Martedì 20 novembre 2018, ore 23.30. Aspetto Francesco fuori dalla Sede. E tiro un’altra boccata…

Leggi tutto