Un’alba che non scorderemo. Campo invernale 2012

“La montagna insegna il silenzio. Disabitua dalla chiacchiera, dalla parola inutile, dalle inutili, esuberanti effusioni. Essa semplifica ed interiorizza. Il segno, l’allusione sono qui più eloquenti di un lungo discorso” (J. Evola) Come di consueto per l’attività invernale della Comunità militante di RAIDO, anche quest’anno si è ripresentata l’opportunità di trascorrere due giorni nella completa…

Arrivederci guerriero!

Se Raido è divenuta una realtà solida lo si deve soprattutto ad una guida, un guerriero che seppur ultrasettantenne continuava a combattere con l’impeto di un giovane, in prima fila nella trincea della vita lottando per diffondere l’Idea tradizionale. Fin quando il suo cuore ha cessato di battere.

A Gaetano

Caro Gaetano, adesso che ci hai lasciati per sempre, transitando a uno stato a te più consono e degno, siamo piombati nello smarrimento e nello sconforto, perché senza la tua guida e senza il tuo magistero certo e autorevole non sappiamo che fare. Ci illudevamo che tu ci saresti sempre stato e che potevamo contare…